Aliante A‎ > ‎Settore Educativo‎ > ‎

LA NOSTRA FILOSOFIA

 

“Il bambino ha dentro di sé tutte le potenzialità per crescere e crescere bene.

Nostro compito di adulti è preparargli un ambiente favorevole con gli stimoli giusti ai quali possa attingere, il resto lo fa da solo…

E senza volere torniamo a Socrate, all’arte della maieutica,

a favorire la crescita del bambino più che a insegnargli come si fa a crescere (o a dormire).” [1]

 

I bambini sono naturalmente predisposti ad imparare, la loro curiosità è un bene prezioso che deve essere sostenuto e favorito in ogni modo, al di là di spazi precostituiti e troppo strutturati, di architetture utili ma complesse costruite dall’adulto.

Pensiamo che un servizio educativo debba offrire esperie

nze e stimoli capaci, grazie alla loro varietà e piacevolezza, di attivare la motivazione intrinseca dei bambini ad apprendere, a costruire e a pensare, all’interno di un contesto protetto e accogliente, con insegnanti preparati e capaci di cogliere il naturale desiderio di imparare e scoprire, per poi restituirlo arricchito.

Riteniamo che l’educatore non sia colui che propone e sviluppa un programma predefinito, ma un professionista che ha la responsabilità e il desiderio di alimentare, attivare e sostenere l’iniziativa dei bambini, proponendo esperienze che:

  • con professionalità, consapevolezza e impegno privilegia l’iniziativa del bambino alla programmazione dell’insegnante;
  • “trova il tempo” per il mondo multiforme e caleidoscopico dell’infanzia, senza invadere con eccessive attenzioni o sovrastrutture educative, ma dedicando energie e valori alla ricerca della curiosità del singolo, alla promozione dell’autonomia come il piacere individuale di fare, o di non fare, di scegliere;
  • propone stimoli ricchi ed esperienze variegate, attentamente studiati per promuovere l’autorealizzazione ed il benessere legato allo sviluppo, il più possibile armonico e integrato, di tutte le dimensioni;
  • lascia ai bambini la possibilità di scegliere, all’interno di un sistema di regole e limiti stabiliti dagli adulti e legati all’età e alle competenze. Invita e sollecita, mai obbliga, lasciando al bambino lo spazio per poter fare la sua parte e sperimentare nei fatti la capacità e il piacere di essere attivo;
  • si configura come un accompagnamento attento, leggero e delicato, un sostegno e un aiuto nel processo di crescita come processo di conoscenza e scoperta di sé;


[1] C. Gonzàlez, Bèsame mucho, p. 14

Comments